+(404) 158 14 25 78
+(404) 851 21 48 15
venedor_support
support@venedor.com

Pratiche edilizie, catastali e ristrutturazione immobili

Pratiche edilizie CILA,SCIA e DIA

La SCIA edilizia può essere richiesta per tutti gli interventi che prima necessitavano della DIA fatta eccezione per la manutenzione straordinaria senza interventi strutturali per cui ora si utilizza la CILA.

Maggiori informazioni sulla SCIA edilizia Maggiori informazioni sulla CILA

Preventivi per ristrutturazione immobili

Richiedi fino a 4 preventivi gratuiti per rifacimento bagni e cucine, impianti elettrici e termoidraulici, ristrutturazioni complete o nuove costruzioni.

Regolarizzazioni in catasto

Una volta terminati i lavori ci occuperemo di accatastare la nuova planimetria conforme allo stato attuale dell’immobile tramite procedura telematica DOCFA.

Piano casa

Per ampliare la volumetria degli edifici esistenti residenziali e non residenziali, per cambiare la destinazione d’uso da non residenziale a residenziale (anche di volumetrie edilizie abbandonate), per intervenire con demolizioni e/o ricostruzioni o di recuperare a fini residenziali i volumi accessori e pertinenziali degli edifici.

Perché affidarci la tua pratica?

 icona-prezzoPrezzi competitivi: preventivi personalizzati 

 


consulenzaConsulenza gratuita e senza impegno da parte del nostro personale tecnico altamente qualificato e specializzato nel settore.


timeTempi di lavorazione rapidi.

 


Richiedi un preventivo gratuito

Ti ricontatteremo il primo giorno utile negli orari di ufficio.

  • In caso di contatto falso non risponderemo alla richiesta di preventivo.

Informazioni utili e domande frequenti.

Cos’è la CILA?

La CILA (Comunicazione Inizio Lavori Asseverata) è il documento che permette di realizzare interventi interni di manutenzione straordinaria, come ad esempio la ristrutturazione di un appartamento (compresa l’apertura di porte o lo spostamento di pareti interne, purché non riguardino le parti strutturali dell’edificio, non comportino l’aumento del numero delle unità immobiliari e non implichino incremento dei parametri urbanistici), oppure per piccole opere esterne.

Cos’è la SCIA edilizia?

La SCIA (Segnalazione Certificata Inizio Attività) sostituisce la precedente DIA (Denuncia Inizio Attività) e ne semplifica l’iter, permettendo di iniziare i lavori a partire dal giorno stesso della presentazione al Comune della domanda, senza dover aspettare i 30 giorni per ricevere il silenzio/assenso (tuttavia l’amministrazione ha comunque 60 giorni di tempo per verificare la regolarità della segnalazione). La SCIA va presentata all’ufficio tecnico del comune prima dell’inizio dei lavori.

Cos’è la DIA?

La Dia (Denuncia di Inizio Attività), sebbene oggi sia stata in gran parte sostituita dalla SCIA (Segnalazione Certificata di Inizio Attività), è ancora richiesta in molti Comuni italiani. Infatti, la DIA può essere utilizzata per le varianti in corso d’opera, per l’attuazione del Piano Casa o per interventi che comportino il pagamento degli oneri di urbanizzazione primaria e secondaria.

Piano casa

Il “Piano Casa” è una proposta ideata dal governo italiano per rilanciare il settore dell’edilizia e andare incontro alle necessità dei cittadini in possesso di case di proprietà, offrendo loro la possibilità di effettuare interventi di ampliamento e/o ricostruzione della propria abitazione. Questa legge permette infatti di ampliare la volumetria degli edifici esistenti residenziali e non residenziali, di cambiare la destinazione d’uso da non residenziale a residenziale (anche di volumetrie edilizie abbandonate), di intervenire con demolizioni e/o ricostruzioni o di recuperare a fini residenziali i volumi accessori e pertinenziali degli edifici. Il Piano Casa consiste in pratica in un bonus grazie al quale è possibile ampliare un edificio (allargandolo o sopraelevandolo) anche oltre il volume e la superficie stabiliti dal Piano Regolatore Comunale, incrementando non solo il potenziale edilizio dei propri immobili ma aumentandone anche il valore commerciale.

Per quanto riguarda la Regione Lazio, queste sono le norme previste dal Piano Casa in vigore dal 2011: 


Ampliamenti

Con la legge 10 del 13-08-2011 (detta Piano Casa) della Regione Lazio tutti gli immobili residenziali -anche in zona agricola- possono essere ampliati del 20% della superficie esistente fino a un massimo di 70 mq ad unità.
Gli immobili commerciali possono essere ampliati del 20% della superficie fino a un massimo di 200 mq ad unità.


Cambi d’uso

I volumi accessori di edifici residenziali come magazzini, locali tecnici o garage possono essere trasformati in superficie residenziale fino al 20% della supeficie esistente e comunque massimo 70 mq ad unità.


Sottotetti non abitabili

I sottotetti con altezza media superiore a 2,00 mt possono essere trasformati in superficie residenziale, limitatamente alla possibilità di avere superficie finestrate e ricambi d’aria adeguati. I sottotetti possono essere anche modificati al fine di raggiungere tali caratteristiche.

N.B. I tre tipi di intervento sono cumulabili sulla stessa unità residenziale, escluse le zone agricole.


I bonus di superficie per gli ampliamenti previsti sono i seguenti:

+10% Premio per l’uso di energie alternative;
+5%/15% Premio per interventi di adeguamento sismico sull’intero edificio.


La legge non è applicabile nei seguenti casi:

– Edifici siti in parchi naturali;
– Edifici agricoli realizzati prima del 1930;
– Edifici situati in centri storici.

z +

Benvenuto su Serviziepratiche.com ! Puoi richiedere tutte le pratiche di cui hai bisogno senza obbligo di registrarti al nostro sito!